Riuscire a scegliere il parquet più adatto alla geometria della propria casa, che sia inoltre rispondente al proprio gusto, non è cosa facile. Nella scelta del pavimento in legno intervengono una serie di variabili da considerare, tra queste la geometria di posa del parquet.

Assumendo quindi di aver giù individuato l’essenza, la lavorazione superficiale e la finitura più adatte alle nostre esigenze, cerchiamo di capire qual è la posa adeguata allo spazio a nostra abitazione o attività. Per scegliere la direzione di posa del parquet occorre prima di tutto valutare la forma, l’ampiezza e la larghezza dei singoli ambienti, oltre che la luce. Ma vediamo più nel dettaglio.

Posa del parquet: geometria della stanza e illuminazione

posa del parquet

La geometria di posa del parquet deve valorizzare le caratteristiche dell’ambiente in cui verrà installato.

Nel caso di stanze lunghe e strette, sarà necessario posare il parquet con i lati lunghi paralleli alle pareti lunghe. Così facendo, la direzione di posa del parquet seguirà quella della disposizione degli ambienti, conferendo razionalità e maggiore profondità alla stanza. In questo modo verranno inoltre esaltate le naturali sfumature del legno. Lo stesso principio vale per le porte. Entrare in una stanza e vedere il pavimento che segue le linee di sviluppo architettonico rende tutto più armonico.

Anche l’illuminazione è un discrimine tra la posa del parquet orizzontale o verticale. Se la luce attraversa le plance nel senso della lunghezza, le venature del legno risulteranno più evidenti. Posizionare il parquet nella direzione della luce aiuta poi a dare profondità agli ambienti.

Posa del parquet: le dimensioni dei listoni

posa del parquet

Nella scelta della direzione di posa è necessario valutare anche le dimensioni delle plance, che devono essere scelte in base alle caratteristiche dell’ambiente in cui verrà installato il parquet.

Nelle abitazioni con una metratura importante è consigliato posare un formato maxi che permette di rendere le superfici più omogenee e di dare ancora più risalto alla bellezza della trama e alle venature del legno. I formati mini sono invece perfetti per gli ambienti più piccoli, per altro questo formato è sempre più di tendenza e risulta ideale per dare dinamicità agli spazi.

Nel caso di muri fuori squadra inoltre, la posa in parallelo o a correre potrebbe evidenziare ancora di più il difetto. In questo caso è quindi preferibile una posa diagonale o a spina, così da creare movimento e distogliere l’attenzione dai muri.

Fissate un appuntamento e venite a trovarci nello showroom Gazzotti18 a Trebbo di Reno. I nostri tecnici sapranno consigliarvi non solo per la scelta del parquet, ma anche per il disegno di posa più adatto ai vostri ambienti.